G20, prima riunione del Gruppo di lavoro Salute

La sala Monumentale di Palazzo Chigi ha ospitato nelle giornate  del 26 e 27 gennaio 2021, il First Health Working Group Meeting del G20 a Presidenza italiana.

Al meeting di due giorni hanno partecipato, collegati in videoconferenza, i delegati di tutti i membri del G20, oltre a rappresentanti di alcuni Paesi ospiti, delle Agenzie delle Nazioni Unite che si occupano della materia e di istituzioni internazionali invitate come ospiti in questa occasione.

A porgere il benvenuto come presidente della sessione è stato il Segretario Generale del Ministero della salute, dott. Giuseppe Ruocco, che ha coordinato  i lavori.

Ad avvio della prima giornata il prof. Franco Locatelli, Presidente del Consiglio Superiore di Sanità, ha illustrato l’ “Impatto del Covid-19 sui Sistemi sanitari”.

Hanno fatto seguito gli interventi dei delegati di OMS (prof.ssa A. Buzyn) e OCSE (dott. M. Pearson) che hanno illustrato la “Concept notes” predisposta con lo staff ministeriale per guidare i lavori.

Di seguito, il prof. Enrico Giovannini (ASVIS – Alleanza italiana per uno sviluppo sostenibile) ha presentato un’analisi dell’impatto del Covid-19 sugli obiettivi di sviluppo sostenibile in Italia.

Nella  seconda giornata il prof. Gualtiero Ricciardi, dell’Università Cattolica Sacro Cuore di Roma, ha coordinato una sessione nella quale sono stati ascoltati i rappresentanti della società civile e la rappresentanza delle Parlamentari italiane.

Ha fatto seguito il dibattito nel quale le delegazioni sono state chiamate a rispondere ai quesiti proposti nella concept note.

Prima dei saluti finali, il prof. Silvio Brusaferro, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, dopo aver descritto la molteplice attività scientifica che ISS ha coordinato, supportando tutto il settore sanitario nazionale e regionale, nel corso della pandemia Covid-19, ha lanciato una iniziativa internazionale in materia di formazione degli operatori sanitari, che sarà oggetto di un webinar dedicato, nella giornata del 10 marzo.

Lascia un commento