Nuova tecnica per le protesi della mano

RIPRODUZIONE RISERVATA © salute33

La medicina offre nuove speranze, grazie alle possibilità di ritrovare la funzionalità delle articolazioni che può fornire il chirurgo della mano, con lo stesso principio delle protesi che vengono usate per anca, ginocchio e spalla.

Le protesi sono diverse, tra cui anche quelle in silicone, che si associano a nuove tecniche operatorie come quelle sviluppate al Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs di Roma. “Le vecchie tecniche chirurgiche – spiega Vincent Joseph Mazzone, direttore dell’Unità operativa complessa dello stesso Policlinico – prevedevano la sezione dei tendini per poter arrivare alle articolazioni e protesizzarle.

Con la nuova tecnica di accesso laterale, messa a punto da noi, siamo in grado di risparmiare i tendini flessori e estensori della mano e questo permette al paziente di muovere da subito la mano”. Le novità nel campo delle protesi riguardano però sia i nuovi disegni che i materiali. “Quelle più performanti per le articolazioni interfalangee – prosegue Mazzone – sono in silicone, mentre per le articolazioni metacarpo-falangee i migliori risultati si ottengono con le protesi ‘anatomiche’; tra le più utilizzate, quelle in pirocarbonio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *