Nuovi farmaci per la riparazione della mielina danneggiata da sclerosi multipla

RIPRODUZIONE RISERVATA © salute33

Un nuovo studio portato avanti dagli scienziati dei Gladstone Institutes guidati dalla ricercatrice senior Katerina Akassoglou, Ph.D., mostra che molti dei nuovi farmaci attualmente in fase di sperimentazione potrebbero non essere sufficienti per promuovere la riparazione all’interno dell’ambiente tossico di queste cellule e identifica una diversa opzione di trattamento che potrebbe migliorare la riparazione della mielina. Lo studio, condotto in collaborazione con l’UC San Diego e l’Università di Vienna, in Austria, è stato pubblicato sulla rivista Brain.

Nei soggetti colpiti da sclerosi multipla, la sostanza grassa che isola i nervi del sistema nervoso centrale, chiamata mielina, è danneggiata. Questo rallenta la trasmissione dei segnali dal cervello al resto del corpo, causando difficoltà di movimento, problemi alla vista e cambiamenti cognitivi.

Gli studi clinici stanno attualmente testando farmaci che hanno dimostrato in studi di laboratorio di stimolare la produzione di nuova mielina. Tuttavia, nel cervello dei pazienti con sclerosi multipla, le cellule sono circondate da elementi tossici del sangue e del sistema immunitario che inibiscono la riparazione della mielina danneggiata, quindi non è chiaro se i farmaci possano essere efficaci negli esseri umani.

Abbiamo trovato una nuova linea di farmaci che potrebbero essere potenzialmente utilizzati per stimolare la riparazione della mielina anche in presenza di perdite di sangue tossico nel cervello”, ha spiegato Akassoglou, che è anche direttore del Center for Neurovascular Brain Immunology a Gladstone e professore di neurologia presso l’UC San Francisco (UCSF).

Normalmente, nel tentativo di ripristinare l’isolamento dei nervi danneggiati, cellule di riparazione specializzate nel cervello possono trasformarsi in cellule chiamate oligodendrociti, che producono nuova mielina.

I nuovi farmaci sperimentali hanno lo scopo di aumentare questa formazione di oligodendrociti maturi come un modo per aumentare la produzione di mielina. Tuttavia, molti di questi farmaci sono stati inizialmente testati su cellule cresciute in vetrin di laboratorio, il che non ha tenuto conto del fatto che nella malattia sono presenti anche elementi tossici nell’ambiente di una cellula.

Le perdite di sangue sono abbondanti nel cervello e nel midollo spinale dei pazienti con sclerosi multipla e vengono monitorate con scansioni cerebrali per stabilire una diagnosi della malattia. Akassoglou e il suo team hanno precedentemente dimostrato che nella sclerosi multipla, la fuoriuscita di fibrinogeno nel cervello provoca infiammazione e perdita di neuroni e blocca la riparazione della mielina.

In questo studio, i ricercatori volevano capire come superare l’effetto dannoso del fibrinogeno. In collaborazione con Mark H. Ellisman, Ph.D., direttore del National Center for Microscopy and Imaging Research (NCMIR) presso l’UC San Diego, hanno sviluppato una tecnica di microscopia avanzata che consente loro di combinare l’alto potere di risoluzione e il 3D avanzatocapacità di imaging della microscopia elettronica con imaging basato sull’ottica della luce all’interno del midollo spinale di un topo vivente.

Possiamo visualizzare le perdite di sangue e tracciare le cellule di riparazione in tempo reale, visualizzando la struttura della mielina esattamente negli stessi siti, tutti nello stesso campione”, afferma Reshmi Tognatta, Ph.D., uno scienziato nel laboratorio di Akassoglou e uno dei i primi autori dello studio.

I ricercatori hanno scoperto che nei modelli murini di sclerosi multipla, le cellule di riparazione si stavano raggruppando nei siti di perdite di sangue nel cervello, dove è presente il fibrinogeno. Ma invece di trasformarsi in cellule che producono mielina, si sono trasformate in astrociti, un tipo di cellula che produce tessuto cicatriziale.

“Ora capiamo che il fibrinogeno blocca la produzione di mielina causando una catena di eventi che impedisce alle cellule di riparazione di trasformarsi in produttori di mielina, costringendole invece a trasformarsi in cellule che possono produrre tessuto cicatriziale”, afferma Tognatta. “Il fibrinogeno determina il destino delle cellule”.

Il team ha deciso di testare se i farmaci della sperimentazione clinica potessero superare l’effetto dannoso causato dal fibrinogeno. Per fare ciò, hanno sviluppato un nuovo metodo per lo screening dei farmaci in presenza di fibrinogeno, imitando l’ambiente inibitorio intorno alle cellule di riparazione. Il nuovo test è stato progettato per testare non solo la produzione di nuova mielina, ma anche la formazione di cellule dannose nelle lesioni cerebrali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *