Carabinieri NAS Ragusa: sequestrato un ospizio “lager”, 3 arresti

RIPRODUZIONE RISERVATA © salute33

Nel nisseno arrestate tre persone e interdette altre due, indagate a vario titolo per maltrattamenti, violenza sessuale, abbandono di incapaci, esercizio abusivo della professione di infermiere, sequestrate anche le due strutture “lager” per disabili psichici

Il NAS di Ragusa, unitamente ai Carabinieri del Comando Provinciale di Caltanissetta, ambito Operazione “Bad Caregiver”, ha dato esecuzione a un’ordinanza, emessa dal GIP del Tribunale di Caltanissetta su richiesta della locale Procura, di cinque misure cautelari, di cui una in carcere per un operatore, due agli arresti domiciliari nei confronti del gestore delle strutture e di una operatrice e due misure interdittive dalla professione per un anno per altri due dipendenti; inoltre, è stato disposto il sequestro delle due strutture socio sanitarie per disabili psichici di Serradifalco (CL) oggetto d’indagine (formalmente divisa in due comunità, ma di fatto accorpate) e della quote societarie della cooperativa gerente. Contestualmente, visto il degrado e lo stato di abbandono degli anziani, i pazienti sono stati ricollocati, di concerto con l’ASP di Caltanissetta presso altri idonei complessi.

I destinatari del provvedimento dell’A.G. sono indagati, a vario titolo, di concorso nel reato continuato di violenza sessuale aggravata (per il soggetto colpito da misura custodiale carceraria), di maltrattamenti, abbandono di incapaci ed esercizio abusivo della professione di infermiere.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica nissena e condotte dal NAS di Ragusa con servizi di osservazione e pedinamento, ispezioni ed anche attraverso attività tecnica di intercettazione telefonica, ambientale audio/video, hanno permesso di disvelare la scellerata condotta degli indagati nelle due strutture “lager” all’interno delle quali erano ospitate nove persone affette da disabilità psichiche di varia gravità.

L’attività investigativa è scaturita da un controllo, eseguito nell’ambito di servizi disposti in campo nazionale dal Comando Carabinieri per la Tutela della Salute di Roma, d’intesa con il Ministero della Salute, finalizzati a monitorare la corretta gestione delle strutture socio – assistenziali dedicate ad ospitare le fasce più deboli della società, durante il quale sono state evidenziate gravi anomalie nella gestione delle due comunità, in relazione alle condizioni strutturali, igienico sanitarie, funzionali e organizzative che facevano dedurre la non appropriata assistenza sanitaria degli ospiti delle stesse. Successivamente, le investigazioni hanno permesso di scoprire numerosi casi di maltrattamento fisico nei confronti dei disabili mediante violente percosse (spesso utilizzando sedie o bastoni come oggetti contundenti) schiaffi e pugni. I pazienti erano vessati con ingiurie, abbandonati, malnutriti e alimentati solamente con riso o con pane raffermo, ammollato in acqua o nel latte e recuperato dagli scarti dei panifici del luogo. Emblematico è un episodio dove uno degli ospiti, cieco, viene picchiato brutalmente dall’operatore, poiché colpevole di aver orinato al di fuori del water. Raccapriccianti sono le immagini delle telecamere che riprendono l’operatore che conduce per mano il disabile, tra l’altro anche non vedente, lo fa sedere e poi si accanisce sulla mano destra dello stesso applicando una leva sulle dita dell’anziano, facendolo inginocchiare.

In tale contesto, le telecamere hanno anche purtroppo svelato diversi casi di violenza sessuale, da parte di uno solo degli indagati, nei confronti di una anziana ospite non in grado di autodeterminarsi. Quest’ultimo si è reso, altresì, responsabile di abbandono di incapaci e di esercizio abusivo della professione infermieristica, per aver somministrato, benché sprovvisto di specifico titolo professionale, medicinali agli ospiti a lui affidati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *