In Europa livelli di biossido azoto quasi dimezzati da pandemia

Lo indica il monitoraggio compiuto su cinque città europee, Madrid, Milano, Parigi, Budapest e Berlino, grazie ai dati raccolti dal satellite sentinella della Terra, Sentinel-5P, del programma europeo Copernicus di Commissione Europea e Agenzia Spaziale Europea (Esa), e dalle centraline terrestri. I dati sono stati analizzati dai ricercatori degli istituti meteorologici reali di Olanda e Belgio, il Royal Netherlands Meteorological Institute (Knmi) e il Royal Belgian Institute for Space Aeronomy (Bira-Iasb).

Nell’anno della pandemia la concentrazione di inquinanti come il biossido di azoto sui cieli d’Europa è diminuita, fino quasi a dimezzarsi rispetto al 2019 nei mesi del lockdown, soprattutto su Spagna, Francia e Italia.

Nei mesi estivi di luglio e agosto, invece, i livelli si sono un po’ alzati, anche se mantenendosi più bassi del 10%-20% rispetto allo stesso periodo del 2019. Sulla Pianura padana, ad esempio, si va dal -36% di marzo e aprile al -8% di luglio e agosto.

Lascia un commento