Scoperti anticorpi anti-Covid grazie a una tecnica italiana

RIPRODUZIONE RISERVATA © salute33

Scoperti grazie a una tecnica messa a punto in Italia nuovi anticorpi capaci di contrastare l’infezione del virus SarsCoV2 responsabile della pandemia di Covid-19, della sua variante inglese (o alfa, secondo la nuova nomeclatura) e che sono in grado di bloccare anche altri coronavirus. Il risultato, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, è stato ottenuto nei laboratori del CEINGE-Biotecnologie avanzate di Napoli dai ricercatori della Task Force Covid-19 finanziata dalla Regione Campania. 

Obiettivo del progetto è stato individuare “nuovi anticorpi umani utili per inibire l’infezione del virus SarsCoV2”, ha detto la coordinatrice della ricerca, Claudia De Lorenzo, ordinario di Biochimica presso il dipartimento di Medicina Molecolare e Biotecnologie Mediche dell’Università Federico II e principal investigator del CEINGE. Il punto di partenza è stata l’analisi di frammenti di anticorpi umani, fra i quali sono stati selezionati quelli che avevano delle affinità. In questo modo sono stati identificati anticorpi in grado di legare in modo specifico la proteina Spike, la principale arma con cui il virus SarsCoV2 si aggancia alle cellule. 

La nuova tecnica utilizzata, affermano i ricercatori, potrebbe consentire in futuro di isolare altri anticorpi specifici per determinate regioni dei bersagli molecolari che svolgono un ruolo chiave nella patologia che si intende combattere. Un altro vantaggio della tecnica è che permette di generare anticorpi che non inducono infiammazioni e che, di conseguenza, non dovrebbero provocare effetti collaterali indesiderati. Isolati in colture cellulari, i risultati dovranno adesso essere confermati e validati in vivo. 

Alla ricerca hanno collaborato i gruppi diretti da Massimo Zollo e da Nicola Zambrano, entrambi dell’Università Federico II e principal Investigator del CEINGE, con il contributo dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno. Nel gruppo di Claudia De Lorenzo hanno lavorato al progetto anche le ricercatrici Margherita Passariello, assegnista di ricerca, e Cinzia Vetrei, dottoranda presso il dipartimento di Medicina Molecolare e Biotecnologie Mediche della Federico II.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *